LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI – SCRIVERE UNA SCENA

 

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

PILLOLE DI SCRITTURA

SCRIVERE UNA SCENA

Flumeri&Giacometti

C’è chi scrive di getto, lasciandosi ispirare dalla musa della scrittura e chi, invece, lavora componendo un mosaico al quale aggiunge una tessera dopo l’altra. Noi, ovviamente, creando a quattro mani, facciamo parte della seconda categoria. Per cui quando cominciamo una nuova scena iniziamo col chiederci:

  1. Cosa succede qui?
  2. Da dove iniziamo?
  3. E dove ci fermiamo, ossia quale è il cliff della scena che ci serve per lasciare il lettore col fiato sospeso (specialmente se si tratta di un giallo)?

In teoria, se abbiamo lavorato bene sulla scaletta, la nuova scena sarà generata dalla precedente, ossia dovremmo aver seminato in quella che  viene prima i presupposti che andiamo a svolgere in quella che ci apprestiamo a scrivere. Questo  ci permette di sapere subito se dobbiamo impostare una scena in cui dare al lettore nuove informazioni o semplicemente portare avanti l’azione facendo accadere qualcosa.

Nel primo caso ci dovremo preoccupare di trovare un modo  per far filtrare queste informazioni attraverso l’azione dei nostri personaggi.

Nel secondo, invece,  dovremo mettere a fuoco tra chi si sviluppa il conflitto e, ancora più importante, quali tipi di conflitti andremo ad affrontare.

Non paghe di ciò, cercheremo di capire qual è la situazione più favorevole per sviluppare questo particolare movimento della storia, tenendo sempre presente che quello che interessa al pubblico sono i movimenti emotivi dei personaggi e il loro sviluppo.

A questo punto  possiamo metterci al computer e scrivere di getto la nostra scena.

Lasciamola depositare e rileggiamola a voce alta chiedendoci:

  1. La tensione è abbastanza alta?
  2. Le informazioni che volevamo veicolare arrivano chiare al lettore?
  3. C’è abbastanza pathos?
  4. Lascia nel lettore la voglia di continuare a leggere?
  5. Se la risposta è affermativa, avete fatto un buon lavoro e potete passare alla prossima scena.